Siena, 29/05/2017

logoSNC

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

 

TITOLO DEL PROGETTO:

“Insieme per l’autonomia: percorsi educativi finalizzati alla vita indipendente delle persone diversamente abili.”

 

SETTORE e Area di Intervento:

A 06

 

 

OBIETTIVI DEL PROGETTO

Il Progetto “Insieme per l’autonomia: percorsi educativi finalizzati alla vita indipendente delle persone diversamente abili.”  è rivolto  alle persone diversamente abili e alle loro famiglie, residenti nei Comuni  della Provincia di Siena e dell’Alta Val d’Elsa .

In attuazione a quanto sancito dall’art.19 della Convenzione delle Nazioni Unite, sui diritti delle persone con disabilità, si pone l’obiettivo di mettere in atto misure efficaci ed adeguate al fine di facilitare il pieno godimento, da parte loro, di tale diritto e la loro piena integrazione e partecipazione nella società.

La finalità è favorire la massima espressione delle autonomie personali e sociali delle persone diversamente abili. Lo scopo è di creare opportunità per prevenire l’isolamento e sostenere le famiglie nel percorso di crescita personale dei figli.

L’obiettivo è il coinvolgimento diretto dei genitori nel progetto, perché il “Dopo di Noi” si costruisce “Durante il Noi”: qualunque proposta, che abbia la finalità dell’aumento delle autonomie della persona, si inserisce infatti in un continuo progettuale che coinvolge, con gradualità, tutte le figure di riferimento di ognuno.

Attraverso lo  sport e le esperienze di vita autonoma si creano occasioni per migliorare e acquisire maggiori competenze nelle Aree delle relazioni, della  comunicazione, cognitiva e Psico-motoria.

Il progetto, inoltre, consiste nell’attivazione e nello sviluppo di reti di collaborazioni con le associazioni di volontariato, le istituzioni, il mondo sportivo, al fine di progettare e realizzare, partendo dalle risorse presenti nelle realtà locali, iniziative di inclusione e integrazione delle persone disabili.

Attraverso l’inserimento dei nuovi volontari si cercherà di favorire lo sviluppo di progetti integrati con il mondo sportivo cittadino e di dare una risposta alla situazione  di grave incertezza che le famiglie delle persone con handicap vivono a causa della contrazione dei servizi istituzionali. Considerando la grave crisi economica e la diminuzione dei servizi offerti dalle istituzioni, l’obiettivo è di garantire la partecipazione delle persone residenti nei centri più isolati e/o in situazioni di marginalità sociale, offrendo i servizi di trasporti e facilitando l’inserimento di nuovi utenti nelle attività sportive e nei progetti di autonomia.  In particolare l’approvazione del progetto permetterà l’organizzazione di specifiche attività sportive integrate nelle seguenti discipline: ginnastica , calcio ed equitazione.  Per quanto riguarda il percorso di autonomia sono organizzate delle attività laboratoriali  (cucina, laboratorio relazioni e affettività, orientamento nel territorio) e delle esperienze di residenzialità per preparare Durante Noi al Dopo di NOI.

Il progetto tende a conseguire il miglioramento della qualità della vita, attraverso il recupero di abilità psico-fisiche, garantendo uno stile di vita più sano ed equilibrato. Per i giovani volontari, l’entrare in contatto con la persona disabile e le famiglie, può costituire l’occasione per un rinforzo dell’immagine di sé, per la costruzione di un futuro sulla base dell’interiorizzazione dell’esperienza e della partecipazione emotiva in cui saranno coinvolti durante il Servizio. Il vivere la globalità dell’esperienza ha l’obiettivo di stimolare i giovani nell’essere parte integrante delle proposte educative, stimolandoli nel valorizzare i loro interessi e le competenze individuali.  Ciò costituisce un valore aggiunto, anche per gli utenti che avranno opportunità di creare relazioni e interfacciarsi con personalità ricche e diverse.

Gli obiettivi specifici del progetto sono i seguenti:

Il progetto intende promuovere occasioni di integrazione attraverso  la realizzazione dei percorsi di autonomia come opportunità per favorire la massima espressione delle  potenzialità personali e sociali.

 

ATTIVITÁ D’IMPIEGO DEI VOLONTARI

Il Progetto prevede l’impiego di n. 6 volontari del Servizio Civile  nell’organizzazione e nella realizzazione delle attività educative sportive  e sociali promosse in favore dei disabili soci dell’Associazione. Si prevede la rotazione dei volontari, assegnati alle singole sedi, con funzione di collaborazione e affiancamento e supporto,  agli operatori e volontari più esperti nella realizzazione degli interventi.

In particolare è previsto:

  • Introduzione e ambientazione nell’associazione a cura dell’OP della sede di assegnazione, anche tramite l’organizzazione di una “festa di accoglienza” dei Volontari.
  • Elaborazione di linee guida sull’articolazione delle attività e organigramma delle figure di riferimento dei vari ambiti, cosi da consentire ai ragazzi di avere sempre delle figure di riferimento e facilitare l’introduzione iniziale.
  • Iniziale osservazione e conoscenza dei progetti, degli operatori e dei volontari, degli utenti dell’Associazione (sarà delineato un profilo di ogni utente e date informazioni sui progetti educativi individualizzati) realizzato dal responsabile servizio civile e olp, affiancamento dei volontari più esperti nei servizi di guida e accompagnamento utenti.
  • Osservazione iniziale delle attività sportive svolte dagli utenti, in affiancamento dei volontari anziani.
  • Collaborazione con gli Istruttori Sportivi e con i Tecnici di Riabilitazione Equestre durante i momenti di accoglienza, corsi ginnastica, calcio, nuoto ed equitazione, facilitando la partecipazione delle persone in difficoltà;
  • Affiancamento degli operatori nelle sedute di riabilitazione equestre, nella preparazione dei cavalli e nella predisposizione dei materiali in maneggio.
  • Collaborazione nelle attività di Riabilitazione Equestre, mediante la gestione  dell’accoglienza degli utenti e delle famiglie.
  • Partecipazione alle attività di informazione delle attività.
  • Partecipazione alla realizzazione delle attività di video e fotografiche quali modalità di documentazione delle attività svolte.
  • Affiancamento per gli utenti con buona autonomia nella gestione e cura dei cavalli e degli ambienti del maneggio (lavori di manutenzione, cura del verde e pulizia).
  • Partecipazione e collaborazione nelle attività di programmazione e organizzazione, comunicazione alle famiglie di tutte le iniziative;
  • Partecipazione alla gestione del Progetti di autonomia mediante attività laboratoriali con cadenza bisettimanale (corso cucina, attività orientamento nel territorio, gruppi di ascolto)
  • Partecipazione alla gestione dei percorsi di residenzialità con affiancamento dei ragazzi nelle attività quotidiane nella casa.
  • Supporto durante i progetti di autonomia con interventi personalizzati per raggiungere con mezzi pubblici sedi lavoro, scuola ecc.
  • Aggiornamento del sito web con le iniziative in atto.
  • Affiancamento degli operatori nelle attività organizzative e  gestione banche dati   presso la sede istituzionale.
  • Collaborazione nell’archiviazione materiale fotografico e documenti nella baca dati associazione.
  • Partecipazione all’organizzazione degli eventi sportivi, e di altre iniziative promosse in integrazione con il territorio (giornate con le scuole, associazioni di volontariato, ecc);
  • Collaborazione con i volontari e con i familiari, nell’organizzazione delle attività sociali e ricreative (gite, uscite, feste, soggiorni estivi);
  • Organizzazione di attività sportive ed educative integrate come Campi Solari.
  • Servizi di accompagnamento e trasporto con i mezzi dell’Associazione.

 

 

CRITERI DI SELEZIONE

Colloquio preliminare per valutare l’attitudine dei candidati al progetto e l’effettiva disponibilità ad entrare in contatto con situazioni di disagio. Consulenza di uno psicologo per la valutazione delle aspettative, equilibrio emotivo.  Saranno valutate positivamente le esperienze già svolte nel volontariato e/o esperienze di studio in ambito pedagogico o educativo assistenziale. L’Ente si avvarrà comunque dei criteri elaborati dall’Ufficio, definiti e approvati con la determinazione del Direttore Generale del 30 Maggio 2002. Titolo preferenziale patente guida, Categoria B.

 

 

 

CONDIZIONI DI SERVIZIO ED ASPETTI ORGANIZZATIVI:

  1. ore settimanali dei volontari: 30- monte ore annuo: 1400

 

giorni di servizio:6

 

eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio: Condivisione delle finalità e scopi dell’Associazione

Disponibilità a missioni sul territorio con mezzi dell’Ente, flessibilità oraria con possibilità di svolgimento dei servizi nei giorni festivi. Monte ore settimanale minimo di 25 ore;

 

Eventuali requisiti richiesti ai canditati per la partecipazione al progetto oltre quelli richiesti dalla legge 6 marzo 2001, n. 64:

Diploma di Scuola media Superiore, patente guida categoria B, conoscenza elementare personal computer

 

 

SEDI DI SVOLGIMENTO e POSTI DISPONIBILI:

  1. ro volontari da impiegare nel progetto: 6

n.ro posti con vitto ed alloggio: 0

n.ro di posti senza vitto ed alloggio:6

n.ro di posti con solo vitto: 0

 

Sedi di attuazione del porgetto:

via Franciosa, 57-53100 Siena

Centro Tosca delle Bollicine, loc. Agresto- San Rocco a Pilli- Sovicille (SI)

 

 

CARATTERISTICHE CONOSCENZE ACQUISIBILI:

  • Corso livello base 1° soccorso secondo L.R. Toscana 25/2001
  • Crediti Formativi per attività formative prestate nel corso del Servizio Civile, rilevante per il curriculum di studio presso L’Università degli Studi di Siena;

 

  • Il Tirocinio effettuato presso il Centro Equestre dell’Ente è riconosciuto dall’Associazione Nazionale Riabilitazione Equestre (ANIRE) per i Corsi in ambito della Riabilitazione Equestre per Terapisti della Riabilitazione Area sanitaria, per Operatori Sportivi Area Ludico-sportiva, per l’area Psico-pedagogica.
  • Verrà rilasciato dalla P.A. di Siena l’attestato del Corso di livello base per il Primo Soccorso e un’attestazione certificante il corso per il settore sociale.
  • Università “La Sapienza di Roma”- Facoltà di Psicologia 1- Riconoscimento di tirocini per attività psicologiche aree:

o          psicologia generale;

o          psicologia clinica;

o          psicologia sociale;

o          psicologia dello sviluppo.

o          Università “La Sapienza” di Roma – Facoltà di Psicologia 2. Riconoscimento di tirocini per attività psicologiche aree:

o          psicologia generale;

o          psicologia clinica;

o          psicologia sociale;

o          psicologia dello sviluppo.

  • Università degli studi di Firenze – Riconoscimento tirocini al fine di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro e realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro nell’ambito dei processi formativi.

Università degli Studi di Siena – Riconoscimento di tirocini al fine di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro e realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro nell’ambito dei processi formativi.

 

I volontari potranno acquisire competenza e professionalità nell’ambito dei servizi educativi e ludico motori con particolare riferimento ai minori ed ai disabili. L’esperienza consentirà al giovane di seguire un percorso formativo che possa dargli l’opportunità di riconoscere le proprie attitudini, anche in funzione di un eventuale futuro professionale. Verrà inoltre rilasciato un’attestazione per tutti i Corsi di formazione frequentati ed un’ attestazione sul servizio svolto dall’Associazione.

L’esperienza di servizio civile è riconosciuta come tirocinio per il corso ANIRE (Associazione Nazionale Riabilitazione Equestre) addetti alla terapia con il mezzo del cavallo, area psico-pedagogica, area fisioterapisti. L’Università di Firenze, facoltà di Scienze della Formazione e l’Università degli Studi di Siena, facoltà di Scienze dell’educazione, sez. distaccata di Arezzo, riconoscono il Servizio civile nel piano di studi come tirocinio previsto. L’Università degli studi di Roma “La Sapienza”, facoltà di Psicologia riconosce il Servizio civile come tirocinio. L’Università degli studi di Siena riconosce crediti formativi agli studenti che il svolgono il servizio civile.

Durante il servizio civile saranno acquisite competenze ed esperienze nella gestione ed organizzazione di attività sperimentali legate alla vita indipendente mediante percorsi di autonomia e residenzialità.

Verrà, infine, rilasciato un attestato di soccorritore di 1° livello secondo L.R. Toscana 25/2001.

Corso di Formazione “Un cavallo per amico: Corso introduttivo alla Riabilitazione equestre. Attestato di partecipazione rilasciato dall’Ente. Le competenze riguardano:

  1. Approfondimento di tecniche educative e pedagogiche inerenti l’uso del cavallo a fini educativi
  2. nozioni di etologia
  3. tecniche di comunicazione.

Corso di Formazione “Essere volontari nei percorsi di autonomia delle persone diversamente abili” con attestato di partecipazione rilasciato dall’Ente:

 

Corso livello base 1° soccorso secondo L.R. Toscana 25/2001. Saranno acquisite nozioni di primo soccorso e corretto utilizzo del sistema di allerta sanitario:

  • Iscrizione agli appositi registri per soccorritori presso l’Organismo Federativo depositati alla Regione Toscana con validità biennale;
  • Certificazione conoscenze generali di prevenzione antinfortunistica negli interventi di pronto soccorso;

Corso di formazione: “L’accoglienza e la relazione nella disabilità percorsi di Autonomia”

 

Verrà rilasciata, dall’ Associazione Bollicine, un’attestazione certificante la partecipazione al progetto di Servizio Civile

 

FORMAZIONE SPECIFICA DEI VOLONTARI:

UNITA’ DIDATTICA 1

“Disabilità intellettiva”

 

UNITA’ DIDATTICA 2

La relazione e l’accoglienza della persona diversamente abile

 

UNITA DIDATTICA 3

“Un Cavallo per Amico “

 

UNITA’ DIDATTICA 4

Corso livello base 1° soccorso secondo L. R. Toscana 25/2001

 

UNITA’ DIDATTICA 5

“Formazione e informazione sui rischi connessi all’impiego dei volontari in progetti di servizio civile”

 

DISABILITA’ INTELLETTIVA (25 ore)

La relazione e l’accoglienza della persona diversamente abile (8 ore)

“Un Cavallo per Amico” (32 ore)

Corso livello base 1° soccorso secondo L.R. Toscana 25/2001 (20 ore)

“Formazione e informazione sui rischi connessi all’impiego dei volontari in progetti di servizio civile” (5 ore)

 

Durata complessiva della formazione specifica: 90 ore